Archivio

settembre 2017 luglio 2017 maggio 2017 marzo 2017 dicembre 2016 ottobre 2016 luglio 2016 maggio 2016 febbraio 2016 gennaio 2016 dicembre 2015 novembre 2015 ottobre 2015 settembre 2015 luglio 2015 aprile 2015 marzo 2015 febbraio 2015 gennaio 2015 dicembre 2014 novembre 2014 ottobre 2014 settembre 2014 agosto 2014 luglio 2014 giugno 2014 aprile 2014 marzo 2014 febbraio 2014 gennaio 2014 dicembre 2013 novembre 2013 ottobre 2013 settembre 2013 agosto 2013 luglio 2013 giugno 2013 maggio 2013 aprile 2013 marzo 2013 febbraio 2013 gennaio 2013 dicembre 2012 novembre 2012 ottobre 2012 settembre 2012 agosto 2012 luglio 2012 giugno 2012 maggio 2012 aprile 2012 marzo 2012 febbraio 2012 gennaio 2012 dicembre 2011 novembre 2011 ottobre 2011 settembre 2011 agosto 2011 giugno 2011 maggio 2011 aprile 2011 marzo 2011 febbraio 2011 gennaio 2011 dicembre 2010 novembre 2010 ottobre 2010 settembre 2010 luglio 2010 giugno 2010 maggio 2010 aprile 2010 marzo 2010 febbraio 2010 gennaio 2010 dicembre 2009 novembre 2009 settembre 2009 luglio 2009 aprile 2009 marzo 2009 febbraio 2009 gennaio 2009 dicembre 2008 novembre 2008 ottobre 2008 settembre 2008 agosto 2008 luglio 2008 giugno 2008 maggio 2008 aprile 2008 marzo 2008 febbraio 2008 gennaio 2008 dicembre 2007 novembre 2007 ottobre 2007 luglio 2007 giugno 2007 maggio 2007 marzo 2007 gennaio 2007 dicembre 2006 novembre 2006 ottobre 2006 settembre 2006 luglio 2006 giugno 2006 maggio 2006 aprile 2006 marzo 2006 febbraio 2006 gennaio 2006 dicembre 2005 novembre 2005 ottobre 2005 settembre 2005 agosto 2005 luglio 2005 giugno 2005 maggio 2005 aprile 2005 marzo 2005 febbraio 2005 gennaio 2005 dicembre 2004 novembre 2004 ottobre 2004 settembre 2004 agosto 2004 luglio 2004 giugno 2004 maggio 2004 aprile 2004 marzo 2004 febbraio 2004 gennaio 2004 dicembre 2003

Post di ottobre

15/10/2010

A Kabul passando per i Caraibi e Tirana

I nuovi tragici fatti afgani, che hanno portato il numero dei caduti italiani a 34 (una cifra ovviamente del tutto incompatibile con il mantenimento della pudica definizione “missione di pace” così cara ai media nazionali), costringono ad una riflessione e, forse, quando la situazione politica lo permetterà, ad un vero e proprio dibattito in Parlamento e nel Paese. Il diversivo “bombe sì, bombe no” si è infatti rivelato per quello che era, ovvero un goffo tentativo di oscurare i temi di fondo sottostanti.

Ad esempio quello del mutamento radicale avvenuto nella politica estera dell’Italia ormai scivolata dal forse non brillante ma certamente costante – e per noi proficuo – equilibrismo tra le grandi opzioni (Europa, NATO) ed i nostri contesti geo-strategici (Mediterraneo, Medio Oriente, approvvigionamenti energetici, nonché i quadri di riferimento multilaterali) ad un “nuovo” equilibrismo tra piatto ossequio alla linea “occidentale” (meglio statunitense) del momento e “afffarucci” (affaroni?) bilaterali del genere di quelli stipulati nelle dacie e nelle tende beduine. Di più, mentre si evita qualunque attenzione pubblica sul fatto che ormai i militari italiani all’estero hanno raggiunto la cifra record di 9 mila unità (di cui quasi 4 mila nel teatro afgano), come pure sull’onere finanziario che questo comporta, non si affronta la questione della compatibilità di tale impegno con il dettato costituzionale sul ripudio della guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali e/o comunque di affermazione di presenza internazionale. Evidentemente la questione era e rimane superabile a due condizioni: la prima è il riferimento ad un mandato delle Nazioni Unite in quanto punto centrale della comunità internazionale, la seconda è il costante esperimento di iniziative diplomatiche ovviamente nei limiti e con i tempi possibili.

Viceversa in nessun momento della storia repubblicana la presenza diplomatica (e perfino la coerenza con gli impegni internazionali “pacifici” sottoscritti dall’Italia) del nostro Paese ha raggiunto un livello di evanescenza tale da sfiorare l’inesistenza, o meglio l’inveramento definitivo del declassamento dell’Italia da Paese medio a Paese minore, ininfluente e periferico. Ciò non è casuale, ma costituisce ormai una vera e propria linea politica testimoniata dalla “dismissione” del Ministero degli Esteri varata e gestita dal “duo” di comando della Farnesina (politico e “amministrativo”): dimezzamento delle strutture centrali, asfissia della rete diplomatico-consolare, assenza di progettualità e perfino di coordinamento, folklore mediatico dei temi messi al centro di un’Amministrazione che tutti gli altri Paesi (sviluppati e non) considerano tanto più indispensabile con il quadro globalizzato, mentre – da noi – il rapporto tra strumento diplomatico e strumento militare è ormai di uno a cento….

Da questa Farnesina ridotta ad un “call center” planetario collegato a catastrofi naturali o a casi da “Chi l’ha visto” promanano tuttavia segnali preoccupanti di sopravvivenza. Naturalmente al negativo. Vediamone alcuni. Archiviato (per esaurimento dei termini legali di permanenza e non per la asserita prudenza amministrativa di fronte alle indagini giudiziarie) il caso dell’Ambasciatore che forniva attestazioni di residenza a truffatori “napoletan-globali”), gli onori della cronaca sono passati all’area caraibica ove si propongono Consolati onorari ai figli e nipoti di mafiosi certificati, evidenziando i dubbi criteri di gestione della Farnesina che in una sorta di meritocrazia invertita sembrano discriminare i funzionari competenti ed onesti. Ma il “trionfo” più complessivo è quello nella sostanziale esclusione della diplomazia italiana dal nuovo servizio europeo: una sola sede – Tirana – è stata assegnata ad un diplomatico italiano (non Pechino, non Tokio, niente di minimamente significativo). Anzi aver “duplicato” (e potenzialmente sovrapposto) la nostra presenza in Albania (Ambasciatore italiano/italiano e italiano/europeo) prefigura un auto-gol ed anche una malaccorta utilizzazione di un nostro funzionario notoriamente apprezzatato a livello europeo.

Ma tant’è, finché non si riaprirà una nuova fase politica contrassegnata dall’attenzione per il contesto internazionale, si potrà soltanto assistere a piccole operazioni di cabotaggio e/o piuttosto di spoliazione “in extremis”.

ARCHIVIATO IN Editoriali

Di Il Cosmopolita il 15/10/2010 alle 00:00 | Non ci sono commenti

08/10/2010

Il processo di pace che non procede

Un senso di frustrazione prende i commentatori che sono chiamati a scrivere del processo di pace in Medio Oriente. Mai espressione diplomatica così diffusa – processo – è stata usata così a sproposito. Non manca l’obiettivo, giusto e sacrosanto, della pace. Manca il dinamismo che conferisce sostanza e verità all’espressione “processo”. Se non fosse lunga e arzigogolata, meglio sarebbe adoprare quella di “tentativi in direzione di un processo”.

L’ennesimo tentativo “in direzione di” è stato lanciato dal Presidente USA che, approssimandosi la verifica di mid – term e temendo di perdere in patria la popolarità di cui continua a godere fuori, si cimenta nel compito impossibile di mettere insieme israeliani e palestinesi in vista del comune obiettivo della pace, da raggiungere grazie alla formula dei due popoli - due stati. Il calendario è serrato, e pertanto il Segretario di Stato subito officia le riunioni fra le parti con le doverose strette di mano fra Netanyahu e Abu Mazen. Il clima pare propizio grazie alla decisione del Governo israeliano di sospendere temporaneamente la costruzione di alloggi in Cisgiordania. Le violenze naturalmente continuano, ma a bassa intensità e comunque senza episodi clamorosi che costringano le parti a reagire sul piano diplomatico.

Le reazioni sono favorevoli. Il Consiglio europeo adotta l’ennesima Dichiarazione sul Medio Oriente che saluta la ripresa delle trattative dirette e mette a disposizione le sue competenze – leggi: finanze – per assecondarle. A fronte dell’impegno che la porta ad essere il principale finanziatore dell’Autorità Palestinese ed il principale partner dei paesi dell’area, l’UE chiede di partecipare alle trattative direttamente e tramite il Quartetto con la coppia britannico – laburista Ashton – Blair. I commentatori si congratulano con Obama che cerca così di onorare il precoce Premio Nobel assegnatogli dai giurati di Oslo.

La pausa nella costruzione dei nuovi insediamenti, o nell’allargamento degli esistenti, scade a fine settembre e Netanyahu non la proroga, come invece gli viene chiesto da più parti. I coloni che prima mostravano la faccia feroce ai soldati chiamati a fermarli, ora plaudono al Governo che consente loro di costruire “nella loro terra”. ONU, Stati Uniti, UE, Russia deplorano la decisione di Netanyahu, come se questa potesse sorprendere la comunità internazionale dopo che lo stesso aveva annunciato che non avrebbe accettato precondizioni alle trattative dirette. Nella conferenza stampa di Sderot, egli invita Abu Mazen alla coerenza. Niente precondizioni, la pace si basa sulla “più semplice simmetria: Israele riconosce lo stato palestinese e i palestinesi riconoscono lo stato ebraico. Questo è semplice, giusto, corretto, urgente.” Abu Mazen replica che la ripresa delle costruzioni può costringerlo a ritirarsi dalle trattative.

Si diceva di un conflitto che procede sia pure a bassa intensità. Le cifre riportate dalla ONG israeliana Betzelem indicano in 6.371 i palestinesi uccisi negli ultimi anni a fronte di 1.083 (o 1.178) israeliani uccisi. Su popolazioni tutto sommato esigue sono numeri terribilmente alti. “Pourquoi l’Europe n’est pas là?” – titola Le Monde che nota l’incertezza della politica estera comune divisa fra iniziative UE e iniziative nazionali come quella di Sarkozy, che lo stesso giornale definisce improbabile, di rilanciare l’Unione per il Mediterraneo come chiave della soluzione. E invece l’Europa può giocare un ruolo. Ponendosi nel solco della sua tradizionale politica in Medio Oriente, dia spessore all’azione esterna che essa teorizza da tempo e di cui ora ha gli strumenti grazie al Trattato di Lisbona. Lanci nel Mediterraneo la più grande operazione di politica estera e di sicurezza: proponga alle parti lo scudo della sicurezza europea insieme alla cosiddetta prospettiva europea. Un mix virtuoso di forza politico – militare e di integrazione economica che contempli a tempo una qualche forma di adesione.

ARCHIVIATO IN Editoriali

Di Il Cosmopolita il 08/10/2010 alle 00:00 | Non ci sono commenti

08/10/2010

Respinti e mitragliati

Fa un certo effetto, a dir poco, ricordare la dichiarazione di qualche giorno fa del ministro Maroni, secondo il quale il peschereccio siciliano mitragliato e inseguito giorni fa nel canale di Sicilia è stato vittima di un malaugurato incidente essendo stato scambiato per un “barcone di clandestini”. Al di là della credibilità o meno di questa affermazione - se cioè si sia trattato davvero di un errore dei libici o piuttosto di un’ostentazione di sicurezza in un’area da loro considerata “zona economica esclusiva”- dalla frase del ministro non si può non dedurre che i migranti irregolari (attenzione: non necessariamente “clandestini”) vengono in effetti regolarmente presi a colpi di cannone quando navigano in quelle acque.

Da alcuni anni, purtroppo, in quel mare accadono cose terribili. Molti migranti vi sono annegati o morti di sete e di stenti durante la traversata, altri sono riusciti a raggiungere rocambolescamente la costa, altri ancora sono stati salvati dalle nostre navi. Fino a non molto tempo fa, il principio che un’imbarcazione in difficoltà dovesse essere comunque soccorsa e condotta sulla terraferma non era messo in discussione. Poi sono successe alcune cose: l’accordo di amicizia e cooperazione con la Libia, le liti con Malta sulle zone marittime di soccorso, la chiusura del Centro di accoglienza di Lampedusa. E adesso che cosa succede in quelle acque? Come vengono dissuasi i migranti africani dall’avvicinarsi alle nostre coste? Che fine fanno i respinti? Sono domande alle quali è difficile dare una risposta univoca ma dietro a ciascuna di esse si intuiscono – e a volte si documentano – tragedie umane immense.

Quanto all’episodio del peschereccio mitragliato, siamo riusciti in un’impresa che ha pochi precedenti nella storia delle relazioni internazionali: un attacco armato effettuato con mezzi militari e personale appena forniti dal paese aggredito (l’Italia) a quello aggressore. E per giunta a pochi giorni dalla pittoresca visita del colonnello Gheddafi a Roma (con tanto di amazzoni, caroselli equestri e platee di ragazze italiane folgorate, dietro pagamento, dal verbo del leader della Giamahiria). Una circostanza che avrà fatto sorridere molti, a Bruxelles e in altre capitali europee e che induce però a chiedersi molto seriamente che cosa prevedano le clausole non pubbliche dell’accordo italo-libico e, soprattutto, se nel negoziarlo non si sarebbe dovuto tutelare di più non solo l’incolumità dei pescatori siciliani ma anche i diritti umani dei molti diseredati che si imbarcano dall’Africa verso l’Europa In realtà, l’accordo bilaterale cui si è da poco celebrato il secondo anniversario ha soltanto rivitalizzato accordi pre-esistenti, del 2000 e del 2007, in materia di contrasto all’immigrazione clandestina, che erano di fatto rimasti disapplicati fino alla prima metà del 2009.

Accordi tutti negoziati in modo opaco, i cui testi anche dopo la firma, furono tenuti per mesi nascosti al Parlamento e all’opinione pubblica. E comunque, lo ripetiamo, accordi che potevano e dovevano essere negoziati meglio. E cioè: pure ammettendo che la parte libica dovesse essere, per così dire, incentivata a controllare meglio le proprie coste e i propri confini, qualche paletto in più lo si doveva mettere. Non arriviamo a pensare – saremmo degli utopisti! – alle clausole di tutela dei “diritti umani” presenti negli accordi tra Unione Europea e paesi terzi, che prevedono anche la sospensione dell’accordo in caso di violazioni gravi e stabiliscono meccanismi di monitoraggio e dialogo politico in materia. Ma, almeno, anziché limitarsi ad un inconsistente appello ai “principi”, si doveva spingere per un calendario verso l’adesione della Libia alla Convenzione di Ginevra sullo statuto dei rifugiati; e nel frattempo pretendere ragionevoli garanzie per l’operato delle agenzie internazionali come l’Alto Commissariato per i Rifugiati e l’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni. Si dovevano anche mettere in campo aiuti finanziari destinati alla tutela dei diritti dei richiedenti asilo: sarebbero comunque costati una piccola frazione dei famosi 5 miliardi promessi, o della rete di controllo satellitare delle frontiere, anch’essa prevista nell’accordo, o dello stesso Centro di Lampedusa da poco smantellato. E, infine, si doveva aumentare l’attività di contrasto nei confronti degli organizzatori e dei mercanti di clandestini, italiani o stranieri che fossero.

Più in generale, era davvero un interesse così forte quello di fermare a tutti i costi i migranti (a proposito, meno del 15% dei clandestini presenti in Italia è arrivato via mare) da passare sopra a uno dei capisaldi del diritto internazionale come la convenzione di Ginevra sui rifugiati del 1951? Se, negli ultimi anni, a circa la metà dei migranti africani arrivati in Italia via mare è stato riconosciuto il diritto di asilo o di protezione umanitaria, non era difficile prevedere che limitarsi a dare carta bianca alla Libia qualche problema ce l’avrebbe creato. Esigenze della realpolitik? Al contrario, proprio l’importanza dei rapporti economici bilaterali (a cominciare dagli investimenti libici in Italia), avrebbero dovuto, a nostro giudizio, in una visione integrata di governance globale, indurci a pretendere dai libici impegni non di facciata sul tema dei diritti umani. E invece, mentre i migranti vengono respinti verso un triste destino di morte o di prigionia, noi siamo al contempo ridicolizzati (da Gheddafi), criticati (dagli organismi internazionali) e mitragliati (dalle nostre stesse motovedette): difficile vedere in tutto questo qualcosa che assomigli vagamente ai nostri valori costituzionali o al nostro stesso interesse nazionale.

ARCHIVIATO IN Governo mondiale

Di Il Cosmopolita il 08/10/2010 alle 00:00 | Non ci sono commenti

1 - 3 (3 record)