Archivio

settembre 2017 luglio 2017 maggio 2017 marzo 2017 dicembre 2016 ottobre 2016 luglio 2016 maggio 2016 febbraio 2016 gennaio 2016 dicembre 2015 novembre 2015 ottobre 2015 settembre 2015 luglio 2015 aprile 2015 marzo 2015 febbraio 2015 gennaio 2015 dicembre 2014 novembre 2014 ottobre 2014 settembre 2014 agosto 2014 luglio 2014 giugno 2014 aprile 2014 marzo 2014 febbraio 2014 gennaio 2014 dicembre 2013 novembre 2013 ottobre 2013 settembre 2013 agosto 2013 luglio 2013 giugno 2013 maggio 2013 aprile 2013 marzo 2013 febbraio 2013 gennaio 2013 dicembre 2012 novembre 2012 ottobre 2012 settembre 2012 agosto 2012 luglio 2012 giugno 2012 maggio 2012 aprile 2012 marzo 2012 febbraio 2012 gennaio 2012 dicembre 2011 novembre 2011 ottobre 2011 settembre 2011 agosto 2011 giugno 2011 maggio 2011 aprile 2011 marzo 2011 febbraio 2011 gennaio 2011 dicembre 2010 novembre 2010 ottobre 2010 settembre 2010 luglio 2010 giugno 2010 maggio 2010 aprile 2010 marzo 2010 febbraio 2010 gennaio 2010 dicembre 2009 novembre 2009 settembre 2009 luglio 2009 aprile 2009 marzo 2009 febbraio 2009 gennaio 2009 dicembre 2008 novembre 2008 ottobre 2008 settembre 2008 agosto 2008 luglio 2008 giugno 2008 maggio 2008 aprile 2008 marzo 2008 febbraio 2008 gennaio 2008 dicembre 2007 novembre 2007 ottobre 2007 luglio 2007 giugno 2007 maggio 2007 marzo 2007 gennaio 2007 dicembre 2006 novembre 2006 ottobre 2006 settembre 2006 luglio 2006 giugno 2006 maggio 2006 aprile 2006 marzo 2006 febbraio 2006 gennaio 2006 dicembre 2005 novembre 2005 ottobre 2005 settembre 2005 agosto 2005 luglio 2005 giugno 2005 maggio 2005 aprile 2005 marzo 2005 febbraio 2005 gennaio 2005 dicembre 2004 novembre 2004 ottobre 2004 settembre 2004 agosto 2004 luglio 2004 giugno 2004 maggio 2004 aprile 2004 marzo 2004 febbraio 2004 gennaio 2004 dicembre 2003

Tag: bambini

26/11/2015

Neonati abbandonati

Francesca Morelli

A Bueno Aires fino ad oggi sono stati abbandonati 19 bambini, nel 2014 sono stati 28. Nella maggior parte dei casi l’abbandono avviene negli ospedali, rari sono i piccoli lasciati per strada Nei nosocomi intervengono i giudici prima dell’allontanamento delle madri, per cercare di coinvolgerle psicologicamente ad entrare in programmi di contenimento e di aiuti economici. Dei 133 bambini abbandonati nelle regioni, 77 sono stati affidati a case famiglia, gli altri sono stati affidati a un familiare. La legge prevede 30 giorni +30 per cercare d’incontrare una persona in grado di dare informazioni sulla famiglia o sulla ragazza madre che non abbia voluto tenere con sè il neonato.

I piccoli lasciati per strada ricevono centinaia di richieste di adozione e il procedimento legale entrato in vigore con il nuovo Codice Civile ha semplificato le procedure ma è sempre necessario attendere l’esito del procedimento legale, che automaticamente si mette in moto. I banbini per i quali non è necessario nessun procedimento sono casi più semplici sempre in considerazione del fatto che nove persone su dieci - afferma
Gustavo Herrero - avvocato e responsabile del Registro Unico de Aspirantes a Guarda con Fines Adoptivos DNRUA - desiderano adottare bimbi in età compresa da 0 a 2 anni e che solamente uno su cento accetta un piccolo che abbia più di 10 anni.

L’idea che lo Stato non dia in adozione i bambini è falsa , in realtà sono i richiedenti che pongono condizioni molto rigide rispetto alle creature affette da qualche malattia o che abbiano altri fratelli” aggiunge Herrero, che sottolinea come grazie all’istituzione del registro unico i candidati non devono più rivolgersi alle diverse regioni e iniziare la pratica completamente daccapo.

Ci sono 10.000 minori in attesa di adozione e 7100 richiedenti iscritti sostiene
Herrero e finora tutte le regioni hanno fornito i dati richiesti tranne Catamarca. La maggior parte delle persone consultate sostengono che grazie alla modifica della legge, sono stati fatti grandi passi in avanti ma che se ne potrebbe fare di più, creando ad esempio un registro unico dei minori, in situazione di adottabilità e che la legislazione sull’interruzione volontaria di gravidanza venga rivista e corretta.


Un bambino adottabile chiede una famiglia senza sapere di che si tratti perché una famiglia non l’ha mai avuta.; ma l’adulto non dovrebbe adottare un bimbo per rimpiazzare quello che non ha potuto avere in termini ideali " continua
Herrero , “ noi lavoriamo per trovare una famiglia ai bambini e non il contrario”.


Un’aiuola nel quartiere
Palermo a Buenos Aires e un cestino della spazzatura nella città di La Plata sono state le culle di Matilda e Joaquin. I neonati hanno sofferto il freddo, sono stati esposti alle intemperie e devono la loro vita alle persone che li hanno trovati, salvandoli. Sono stati gli ultimi casi di cui si è parlato pubblicamente- L’auspicio conclude Herrero è che il nostro lavoro contribuisca a far cessare una triste realtà argentina, l’abbandono di un bambino ogni cinque giorni.

TAG bambini adozione

ARCHIVIATO IN Succede a...

Di Il Cosmopolita il 26/11/2015 alle 13:56 | Non ci sono commenti

1 - 1 (1 record)